Arti Marziali - Olympia Grifo

Vai ai contenuti

Menu principale:

Arti Marziali

Varie

ARTE MARZIALE

DESCRIZIONE

AIKIDO

È una delle arti marziali per eccellenza. È utilizzata soprattutto per difesa personale utilizzando il principio del JU ovvero della cedevolezza: “sfruttare la forza dell'avversario contro l'avversario stesso”. Una delle particolarità dell'Akido consiste nel creare un movimento necessario a distrarre l'avversario, e successivamente a produrre un'azione per utilizzare la reazione di Uke. L'Aikido è considerato giustamente un'ottimo allenamento per i riflessi e la concentrazione mentale. L'Aikido nasce nel 1942, per merito del maestro Morihei Ueshiba, che ha studiato ed approfondito alcune tradizionali lotte giapponesi oltre che studiarne gli elementi filosofici-religiosi. Nella pratica dell'Aikido è previsto anche l'uso delle armi, lo jo (una asta delle dimensioni comprese tra il metro e il metro e mezzo) o il tanto. Il tanto è un coltello, che nella tradizione dell'Aikido è di legno per renderlo meno pericoloso durante gli esercizi. Il coltello era inizialmente stato introdotto per simulare l'attacco di un malintenzionato: il praticante dell'Aikido doveva affrontare l'avversario armato e difendersi a mani nude evitando il coltello ed anzi volgendolo contro l'aggressore.

CAPOERIA

È una disciplina sudamericana, praticata in Brasile, che viene fatta risalire da alcuni a una serie di movimenti di lotta che risalgono al ‘500, quando la gente africana iniziava ad essere resa schiava e condotta nelle piantagioni americane di canna. Questa lotta (secondo la tradizione) oscilla spesso tra la danza e la lotta vera e propria. In alcuni casi l'aspetto della danza ha avuto il sopravvento su quello della lotta, in altri casi gli aspetti della danza hanno adottato alcune movenze per attaccare o difendersi, utilizzando quindi la Capoeira come lotta vera e propria. Essa adotta dei movimenti molto atletici, energici e "muscolari" che la rendono adatta a persone dotate di grande agilità e di buone prestazioni atletiche.

JUDO

Il Judo è la prima arte marziale ad essere stata inserita nell'elenco degli sport olimpici. Deriva dal Ju Jutsu, ed è il risultatodi una lunga elaborazione grazie ad una serie di studi condotti dal maestro giapponese Jigoro Kano.Egli si prodigò a prendere dal Ju Jitsu tutte quelle azioni di proiezione, eliminando tutte le tecniche che avrebbero potuto mettere in pericolo il proprio avversario, concentrandosi invece nel migliorare la qualità e l'efficacia dei movimenti di difesa e di attacco. Dai primi del 1900 il Judo è divenuto un'arte marziale che fa parte della preparazione fisica delle scuole giapponesi, ed è stato ammesso come sport alle Olimpiadi nel 1964. I principi morali del Judo si basano sulla concentrazione, la lealtà, il carattere e la sportività.

JU JITSU

Il Ju Jitsu è una delle discipline tradizionali e più antiche. Dal Ju Jitsu sono stati estrapolati i maggiori elementi per lo studio di molte arti marziali dirette alla difesa personale, nonché il Judo, trasformato poi in vero e proprio sport. È un'arte che risale nei secoli turbolenti della storia giapponese intorno al 1500. Sono periodi in cui in Giappone, costretto a continue guerre civili, si vedeva costretto all'uso del combattimento corpo a corpo. Si trattava di tecniche basate sia sulla difesa che sull'uso delle armi, e questa arte la possiamo quindi considerare combattimento puro e effettivo. Intorno il 1600 la pratica di questa arte si trasforma in tecniche da combattimento che abbandonano l'uso delle armi per passare completamente al combattimento a mani nude. Il Ju Jitsu veniva praticato in molti modi, adattato in centinaia e centinaia di stili.

KARATE

Arte marziale tra le più diffuse nel mondo. Nata in Giappone e particolarmente legata alla località di Okinawa. Il significato del suo nome è “combattimento a mani nude”. L'esercizio si basa sulla ripetizione continua di certe tecniche e di certe forme (chiamate "kata") che costituiscono dei movimenti preordinati di difesa od attacco. I due stili principali del Karate si suddividono a loro volta in una serie di sotto stili così catalogati: Okinawa: Hueki-Ryu, Goju-Rju, Shorin-Ryu, Hissin Ryu. Per il Karate tradizionale: Shotokan, Shito-Ryu e Wado-Ryu.

KENDO

Il Kendo, arte della spada, è largamente praticato in Giappone. Si pratica a coppie usando un bastone di bambù (chiamato "shinai" ). Questo sport è molto diffuso in Giappone dove viene praticato in molte scuole e pertanto definito molto educativo. È un'arte molto "formale", piuttosto distaccata dalle reali necessità di difesa o attacco presenti nelle vita reale.

KRAW MAGA

È una disciplina inventata da un campione di di boxe, ed esperto di Judo ed altre arti marziali. È praticata soprattutto in Israele dove per un periodo il possesso delle armi era illegale. Oggi questa disciplina viene utilizzata anche dall'esercito ed insegnata nelle scuole pubbliche israeliane. La base di questa disciplina fa riferimento alla difesa personale da armi di vecchia concezione come bastoni, spranghe, coltelli, ecc.. La possiamo quindi considerare un'arte da combattimento pronta ad affrontare qualsiasi esigenza e richiede appunto, velocità, precisione e forza.

KUNG FU

La sua provenienza si affonda nella storia millenaria della Cina e la sua pratica è stata necessaria per per far fronte alle continue invasioni barbariche. Tutte le tecniche che comprendono il Kung Fu sono ispirate ai movimenti degli animali. Una leggenda racconta di un monaco Buddista chiamato Ta-Mo che partì dalle montagne del Tibet per arrivare alla corte Imperiale, dove l'Imperatore lo mise a capo di un monastero nell' Oman (il monastero di Sai-Lim) dove egli insegnò ai monaci le mosse della lotta.Il nome Kung Fu significa letteralmente "abilità e sforzo".

SAMBO

Il Sambo è una vera e propria lotta molto praticata nei paesi dell'Europa orientale come la Russia. La sua denominazione fa riferimento alle parole russe Samozaschita Bez Orujia = combattimento senza armi. È l'applicazione di alcune tecniche da combattimento orientali cinesi e quelle più occidentali, come la lotta greco romana. Il SAMBO oltre ad essere uno sport vero e proprio ha una sua applicazione come autodifesa. L'applicazione del Sambo come Difesa personale si è diffusa molto nei corpi speciali della Polizia e dell'esercito russo.

SAVATE

Sport praticato in Francia, anche se la sua origine non è molto chiara. Si dice che derivi da tecniche importate da marinai francesi, o impiegate dai marinai stessi per difendersi in luoghi lontani. Comprende tecniche di Tae Kwon Do, Ju Jitsu e Karate, mescolate a quelle del pugilato occidentale.

SUMO

È l'essenza della tradizione del Sol Levante, sport molto praticato in Giappone. È noto per la mole dei suoi campioni, che sono molto corpulenti. In effetti è un tipo di lotta basato sulla preponderanza del peso e dello sbilanciamento dell'avversario.Una volta i Su Motori (praticanti di questa arte) erano considerate delle vere e proprie divinità.

TAEK WON DO

È stata la seconda arte marziale ad essere inserita nell'elenco delle discipline olimpiche. Fece la sua prima apparizioni ai Giochi Olimpici di Seul nel 1988. È originario della Corea. Si tratta di uno stile molto potente, in cui il combattente tende a tenere lontano l'avversario con rapidi movimenti dei piedi. Si differenzia poco dal Karate sportivo per l'uso di protezioni agli arti inferiori, ad un corpetto ed un casco. A differenza del Karate i colpi possono avere il contatto diretto con l'avversario.

 
 
Torna ai contenuti | Torna al menu